2020/2021


PROGETTO


 

Spanishsteps

La forma dei gradini della scalinata di Piazza di Spagna è irregolare, il loro deterioramento fa pensare al numero di persone che l’hanno calpestata.

A Roma si ha la sensazione di percepire simultaneamente diversi tempi in uno stesso luogo. Il mio progetto consiste nel cercare indizi di intersezioni temporali e renderle evidenti. Per cominciare, presterei attenzione a qualsiasi segnale, cosa o circostanza che mi permetta di dedurre l’esistenza di queste esperienze palinsestiche.

Gli auguri romani decisero di cercare indizi, auspici di avvenimenti futuri nella forma del volo degli uccelli, un auspex era letteralmente “colui che guarda gli uccelli”. Uno stormo di storni passa sopra Roma proprio come 3.000 anni fa.

In Accademia trasformerò lo studio in un laboratorio in cui tramutare le diverse sensazioni che predicono esperienze del tempo particolari, mescolandole, sovrapponendole o conciliandole. Cercando la forma di combinare la percezione dell’istante fugace del tempo umano con il tempo geologico delle pietre, che si misura in milioni di anni.

Alla maniera di Aby Warbourg, stabilirò affinità e relazioni tra le cose che arriveranno nello studio, formando una collezione-atelier. Allo stesso tempo, le disegnerò come fece Piranesi con i pezzi che trovarono della mappa di marmo di Settimio Severo, creando un insieme e lasciando tra i frammenti spazi oscuri.

BIOGRAFIA


Natividad Bermejo

Laurea presso la Facoltà di Belle Arti, Universidad Complutense, Madrid e Dottorato in BB.AA., Universidad di Salamanca 1991. Riceve la borsa di studio CESIC. 1987-1990 e borsa di studio Beca Banesto, 1991.

Attualmente concilia il proprio lavoro di creazione artistica con la docenza presso la Facoltà di BB.AA. dell’Universidad di Vigo.

Il suo lavoro è stato rappresentato principalmente nella Galería EGAM a Madrid e a Estrany de la Mota a Barcellona.

Tra le ultime mostre personali si distinguono: 2008 “Big-Bang”. C.A.B. di Burgos; “Look left-look right”, Galería Estrany de la Mota. Barcellona. 2009; “La nave de los locos I”. Galería Egam, Madrid-Galería Rafael Ortiz. Siviglia. 2012. “La tormenta”, Museo del dibujo ABC. Madrid. “20Hz-20Kz”. Galería EGAM, Madrid 2013. Nati Bermejo-Ana Prada. Imago – bild. Estrany de la Mota. Barcellona 2018

Esposizioni collettive recenti:

“Huésped: colección del MUSAC en el MNBA”. Buenos Aires. Museo Castagnino e Museo de Arte Contemporáneo di Rosario; APROXIMACIONES I. Arte español contemporáneo en la colección Helga de Alvear. Cáceres; “Lo parcial como significativo”. Colección CAB di Burgos; Centro de Arte Alcobendas, Madrid; “Sobre papel. On paper”, Fundación Helga de Alvear, Badajoz 2015. “Ver (re) velar … “MUSAC .2016; “Pintura en voz baja. Ecos de Giorgio Morandi… Centro José Guerrero. Granada; “El relato desprovisto…” Instituto Cervantes, Pechino e Art Pechino, 2016; “Muchos Caminos…” Real Academia de España en Roma 2017 e MUSAC, 2018; Displays of Affection I: Cartografiar la memoria, Estrany de la Mota 2017. Galería Die Ecke. Santiago del Cile. 2018