IL PRIVILEGIO DELL’IMMAGINE. 64 sguardi d’epoca

Ideata come esposizione e, allo stesso tempo, come post-esposizione, la mostra riunirà 64 opere audiovisive di diversi formati e generi (video performance, animazione, documentario, autofiction, video saggio e altre evasioni) e enfasi culturali, identitarie, estetiche, politiche ed esperienziali localizzate nei diversi spazi della Real Academia de España, anche diverse metodologie ed esperienze di supporto alla videocreazione, da ambiti istituzionali di promozione e diffusione culturale che li promuovono e li sostengono, ad altri in cui prevale la motivazione attivista e l’azione diretta in rete, oppure, in modo molto distinto, orientati all’industria audiovisiva o che rientrano in proiezioni e dibattiti in luoghi alternativi e periferici che sostengono la creazione.

Il titolo della mostra si riferisce alla diversità di origini delle sessantaquattro opere di video-creazione che presenta. Con una predominanza di Paesi del Sud e Centro America, include anche proposte dalla Spagna, dalla Guinea Equatoriale e dall’Italia. Secondo le parole della curatrice, “nella diversità di linguaggi, geografie e geopolitiche che riunisce, possiamo dire di trovare 64 sguardi di un’epoca recente”.

Le opere selezionate nel progetto artistico parlano partendo da sguardi artistici e di curatela in cui confluiscono sensibilità molto diverse ed enfasi culturali, identitarie, estetiche, politiche ed esperienziali localizzate, nonché metodologie e vissuti diversi di sostegno alla video creazione da parte di ambiti istituzionali di promozione e diffusione culturale che li promuovono e sostengono, fino ad altri in cui primeggia la motivazione attivista e l’azione diretta in rete o, molto diversamente, orientati all’industria audiovisiva o che fanno parte di proiezioni e dibattiti in luoghi alternativi e periferici che appoggiano la creazione.


Riattivando Videografie è un progetto della Rete di Centri Culturali della Cooperazione Spagnola e la Real Academia de España en Roma, il cui intento è far conoscere una selezione di lavori audiovisivi di più di settanta artisti provenienti da Spagna e Italia, nonché da diversi paesi dell’America Latina.