GIORNATE CENTRALE 2022 – ACTUAR EN LA EMERGENCIA

PROGRAMMA DI RICERCA ACTUAR EN LA EMERGENCIA. REPENSAR LA AGENCIA DEL DISEÑO DURANTE (Y DESPUÉS DE) LA COVID-19  

Il venerdí 16 e il sabato17 dicembre, presso la sala conferenze dell’Accademia, si terranno le seconde giornate centrale del programma “Acting in Emergencies” sul design e il COVID. L’obiettivo di questo incontro è presentare i risultati dei progetti di ricerca che fanno parte di questo programma, nonché confrontare collettivamente metodologie, apprendimento e aspettative.

ACTUAR EN LA EMERGENCIA. REPENSAR LA AGENCIA DEL DISEÑO DURANTE (Y DESPUÉS DE) LA COVID-19 è un programma di ricerca triennale (2020-2023) che propone una serie di analisi di fronte alle sfide poste dalla pandemia Covid-19. Culminerà nel 2023 con una pubblicazione sulle riflessioni e le pratiche nate dall’intersezione tra design, arti visive, scienze sociali e il mondo maker. La cultura del fare comprende persone che scelgono di produrre, riciclare o riutilizzare piuttosto che buttare via e che cercano di riappropriarsi della tecnologia. Questo progetto indaga i modi in cui questa filosofia della fabbricazione digitale può trasformare la società.

Il programma di ricerca internazionale ha come obiettivo l’esplorazione di un insieme eterogeneo di fenomeni causati dalla pandemia di COVID-19, che mettono al centro della discussione la competenza e le capacità di azione del design e della creatività come motori di analisi e di risposta alle sfide connesse all’odierna crisi.


 

Il GREDITS (Grup de Recerca en Disseny i Transformació Social) dirige e coordina questo programma di ricerca che esplora in modo trasversale e collettivo alcuni degli strumenti proposti dal design per analizzare un insieme di sfide sociali, ambientali, sanitarie e comunicative sorte in seguito alla pandemia di Covid-19. Il programma nasce dalla volontà di generare reti di conoscenza e di offrire soluzioni condivise che contribuiscano alla promozione di risposte alternative, complementari e funzionali alla crisi attuale, ma anche con uno sguardo al futuro post-Covid.

Il programma coinvolge più di 50 ricercatori organizzati in 14 progetti di ricerca. Tra le entità associate al programma oltre a GREDITS (Grupo de Investigación en Diseño y Transformación Social) e la Real Accademia di Spagna in Roma (RAER), collaborano la BAU Centro Universitario di Design (Barcellona), ISIA – Istituto Superiore per le Industrie Artistiche (Urbino), DiARC (Dipartimento di Architettura dell’Università degli Studi di Napoli “Federico II”), Departamento de Historia del Arte de la Universidad de Barcelona AASD (Arte, Arquitectura y Sociedad Digital) Facoltà di Ingegneria e Architettura dell’Università degli Studi di Enna “Kore” (Enna) e HANGAR Centro di Produzione e Ricerca in Arti Visive (Barcellona).