MorseRoma RAER (1873/2018) – Clara Montoya

Clara Montoya, residente presso la Reale Accademia di Spagna a Roma durante l’anno accademico 2015-2016, presenta -coincidendo con l’innaugurazione di PROCESSI 145-, la sua opera MorseRoma RAER (1873/2018). Si tratta di un’opera esterna che inserita nell’edificio della RAER simile a una nave, trasmette in direzione di Roma un codice morse luminoso da una delle torri dell’Accademia, con la lista dei nomi dei borsisti che ne hanno avuto residenza dalla sua fondazione nel 1873 fino ad oggi, inclusi tutti i direttori, il personali e gli ospiti che attualmente fanno parte dell’Istituzione.

L’Accademia ringrazia enormemente la generosa donazione che a sua volta, rappresenta un omaggio per tutte le generazioni di borsisti che durante questi 150 di storia hanno rafforzato l’identità della RAER e hanno reso possibile la sua crescita nella città.

Si può leggere in diretta la corrispondenza in condice alfabeto/morse, al momento del tramonto romano, con il seguente link: :Morse Roma

Conversaciones de autor en el MAXXI: Antoni Muntadas

MAXXI, Museo Nazionale delle Arti del XXI secolo – 5 DE DICIEMBRE DE 2017, 18.00 h

El próximo 5 de diciembre el artista y residente invitado de la Academia durante el 2016, Antoni Muntadas, presentará, dentro del programa “Conversazioni d’autore. Incontri con i protagonista delle collezione del MAXXI, su proyecto Media Sites / Media Monuments: Roma. El coloquio será introducido por el director del MAXXI, Bartolomeo Pietromarchi, y contará con la intervención de la historiadora del arte y comisaria Anna Cestelli, así como del propio artista.

Read more

REMOVER ROMA CON SANTIAGO

Il festival “Remover Roma con Santiago” è stato concepito come un incontro che, nella capitale italiana, riunisce una selezione del talento vivente delle terre attraverso i quali si svolgono i sentieri francesi e aragonesi.

Remover Roma con Santiago è un progetto dell’Ambasciata di Spagna in Italia in collaborazione con le associazioni europee di Via Francigena e sponsorizzato da INDRA e da varie organizzazioni regionali spagnole, il cui scopo è quello di diffondere la diversità di un itinerario culturale di inestimabile valore, mettendolo in risalto, attraverso un completo programma culturale che include letteratura, musica, teatro di strada, cinema, arte, scienza e laboratori per bambini. Queste attività avranno luogo presso l’Instituto Cervantes, la Casa del Cinema, la Escuela Española de Historia y Arqueología en Roma (CSIC) – EEHAR e la Real Academia de España en Roma.

Read more

Molti cammini. Immagini contemporanee del Cammino di Santiago

MOSTRA: 2 OTTOBRE – 26 NOVEMBRE 2017

INAUGURAZIONE: 2 OTTOBRE ALLE ORE 19.30

La mostra Molti cammini. Immagini contemporanee del Cammino di Santiago si basa sulla realtà paesaggistica, antropologica, culturale, storica, spirituale e/o religiosa del Cammino di Santiago e la peregrinazione che lo motiva, ma soprattutto sulla realtà esperienziale che deriva da tutto ciò e che si plasma in alcune opere d’arte contemporanea, legate direttamente alla peregrinazione e al Cammino, correlate al paesaggio, la mistica, la storia delle religioni, l’arte, gli avvenimenti storici o l’attuale criticità delle zone rurali attraversate dal cammino di Santiago.

Queste questioni sono presenti nella mostra che struttura le opere dei 31 artisti selezionati attorno a 4 grandi temi:

- il significato e la meta della peregrinazione: Roland Fischer, Humberto Rivas, Peter Wüthrich, Xurxo Lobato, Roman Signer, Andrés Pinal, Vik Muniz e Mariona Moncunill

- l’esperienza del camminare per “andare oltre”: José Val del Omar, Esther Ferrer, Rubén Grilo, Francisco Felipe, Pedro Garhel, Gabriel Díaz, Zoulikha Bouabdellah e Javier Codesal

- il dialogo tra l’io e il mondo: Enrique Carbó, Peyrotau & Sediles, Nina Rhode, Natividad Bermejo, Eugenio Ampudia e Mapi Rivera

- i fatti che hanno segnato la storia del Cammino: Gerardo Custance, Bleda y Rosa, Javier Ayarza, Jorge Barbi, José Luis Viñas e Rosendo Cid

 La mostra è una produzione della Real Academia de España en Roma (RAER) e del Museo de Arte Contemporáneo de Castilla y León (MUSAC) nella cornice del festival Remover Roma con Santiago promosso dalla Ambasciata di Spagna in Italia. La mostra conta su opere provenienti da istituzioni culturali situati lungo il cammino di Santiago: Centro de Arte y la Naturaleza (CDAN) a Huesca, Institito Leonés de Cultura (ILC) e MUSAC a León, e Centro Galego di Arte Contemporanea (CGAC) a Santiago, nonché di opere cedute direttamente dagli artisti.

 

Date: 2 ottobre – 26 novembre 2017

Luogo: Real Academia de España en Roma

Indirizzo: Piazza San Pietro in Montorio 3 (Gianicolo, 00153, Roma)

Orari: Martedì a domenica, dalle 10 alle ore 18.00

Ingresso libero

Inaugurazione: Lunedì 2 ottobre alle ore 19.30

 

 

 

Universitas dal Mediterraneo al Pacifico. Egemonie, pluralità e sincretismi nell’arte del mondo ispanico del XV e XVI

 ÁFRICA - Cantino_planisphere_(1502)_LOW

Universitas dal Mediterraneo al Pacifico. Egemonie, pluralità e sincretismi nell’arte del mondo ispanico del XV e XVI secolo è un Congresso Internazionale di Storia dell’Arte, che si terrà a Roma dal 20 al 22 settembre 2017 e avrà come sede principale la Real Academia de España en Roma.

L’evento si incentra sul patrimonio artistico ispanico che si sviluppò in tutto il mondo nel XV e XVI secolo, con particolare attenzione alla ricchezza e la diversità determinate dall’incontro di molteplici potenze e culture, nonché le egemonie, pluralità e sincretismi che si crearono di conseguenza nelle arti. Con la partecipazione di grandi specialisti del panorama internazionale, l’intento è quello di riconsiderare nuove prospettive con cui poterci avvicinare al passato in un modo più ampio e interdisciplinare. In sostanza, essere un crogiolo di conoscenza e un veicolo di nuovi interrogativi che ci permettano, attraverso l’eredità artistica, di avvicinarci ulteriormente alla Spagna universale dei XV e XVI secolo.

Grande e perenne testimone di come lo splendore e l’avanguardia culturale spagnola abbia varcato le frontiere della penisola iberica è la città di Roma, dove persistono opere e istituzioni che in quegli anni furono promosse dalle élite del potere spagnolo. Tra queste, l’emblema è il Tempietto di San Pietro in Montorio, capolavoro del Bramante commissionato dai Re Cattolici e ancora oggi simbolo del patrimonio artistico spagnolo come opera chiave del complesso monumentale della Real Academia de España en Roma. Alma mater di questo congresso, è la cornice ideale in quanto centro di promozione dell’arte e conoscenza attraverso il dialogo e l’incontro internazionale, un bastione di riferimento della cultura spagnola nell’attualità che affonda le sue radici e mantiene vivo il suo passato più illustre.

1950 ANNI DAL MARTIRIO DEI SANTI APOSTOLI PIETRO E PAOLO – OMAGGIO A SANTIAGO YDÁÑEZ

29 GIUGNO – 30 LUGLIO 2017. PERCORSO ACCESIBILE DEL TEMPIETTO DEL BRAMANTE 

Il prossimo 29 giugno si compiranno 1950 anni dal martirio dei santi apostoli Pietro e Paolo, martirizzati a Roma nell’anno 67. In occasione di questo anniversario, la Real Academia di Spagna presenterà tre opere di Santiago Ydáñez che rendono omaggio ai santi e si ispirano a due grandi pittori: Caravaggio e Ribera.

Nei primi anni del XVI secolo, i Re Cattolici commissionarono all’architetto Donato Bramante la costruzione della cappella della Crocifissione di San Pietro nel presunto luogo dove la tradizione cristiana situava il martirio. Conosciuto come Tempietto del Bramante, è considerato uno dei capolavori dell’architettura rinascimentale.

L’artista Santiago Ydáñez (Jaén, 1967) dice:

“Il mio lavoro a Roma si conclude con la tripla negazione di San Pietro. Ho ricreato con piacere la “Crocifissione di San Pietro” di Caravaggio, sito nella Chiesa di Santa Maria del Popolo. Si tratta di un’opera importante per il mio percorso, dato che è la prima volta che do la stessa importanza al disegno e alla pittura, completando l’immagine nell’ultima opera e lasciando parti dipinte e parti disegnate nelle altre due. Essendo tre opere, la vertigine della stessa Crocifissione viene accentuata, conferendole quasi un tocco cinematografico.
Questa tecnica del “non finito” potenzia anche le diagonali stesse della Crocifissione. Caravaggio è un grande scenografo e un eccellente creatore di immagini. Essendo un pittore eccellente, lo è ancora di più come scenografo. Secondo me, Ribera utilizza la materia con maggiore fluidità e corposità rispetto a Caravaggio, ma risulta più tradizionale nella composizione delle sue opere in confronto al maestro italiano. Nel mio trittico, lungi dal cercare un confronto con i due artisti, unisco la corposità materica di Ribera con la scena creata dal Caravaggio. Mi sono divertito molto”. (www.santiagoydanez.com)

SANTIAGO YDAÑEZ

Jaén, 1967. Laurea in Belle Arti presso l’Università di Granada. Ha tenuto laboratori, tra gli altri con Juan Genovés. Premio di Pittura ABC nel 2002 e Premio di Pittura Generación 2002 di Caja Madrid, Borsa di studio del Colegio de España a Parigi del Ministero della Cultura nel 2001 e Borsa di studio della Fondazione Marcelino Botín nel 1998. La sua opera si trova nelle collezioni della Fondazione Botín (Santander), MNCARS (Madrid), Museo Sofía Imber (Caracas, Venezuela) e in collezioni private in Messico, Canada, Italia, Norvegia, Germania, Portogallo e Spagna.
Attualmente vive e lavora tra Berlino e Granada.

FlyerSANTIAGO YDAÑEZ italiano

DOCUMENTO SCARICABILE: Flyer SANTIAGO YDAÑEZ italiano

*Quest’attività viene realizzata grazie alle Borse MAEC-AECID di Arte, Educación y Cultura per l’anno accademico 2016/2017 all’interno del programma di borse di studio per la RAER.